mainlogo elite pet

fido sempre in forma

Come comportarsi con un gatto pigro 

La pigrizia non è mai una buona abitudine, nemeno se si vive una classica vita da gatto!
Scopriamo insieme come comportarsi con un micio pigro.


I gatti sono davvero l’immagine del relax e dell’inattività? E perché il movimento è consigliato a tutti i Mici?
Chiariamo una cosa: il gatto è stato progettato biologicamente per riposare fino a 14 ore al giorno!
Ma la pigrizia non è mai una buona abitudine, nemmeno se si vive una classica vita da gatto!
Scopriamo insieme come comportarsi con un gatto pigro.


La natura felina e basicamente selvaggia del gatto lo denota come un animale attivo e atletico, che fa della sua fisicità un punto di forza.


Il suo adattamento alla vita moderna, fatta di poca attività motoria e nessuno sforzo fisico per procurarsi il cibo, ha però determinano uno stile di vita più sedentario, ben lontano dai livelli di attività fisica che il vostro vivace amico raggiungerebbe in un ambiente naturale.

Certo, ogni gatto ha una sua indole, ragione per cui non tutti i Mici sono pigri allo stesso modo.
Quel che è certo è che uno stile di vita particolarmente sedentario e privo di stimoli non è un alleato della sua salute. Non tutti i gatti sono delle piccole tigri pronte ad inseguire con tenacia qualunque cosa si muova, ma se al contrario non ha mai voglia di giocare ed è troppo spesso inattivo, aiutarlo a muoversi con piccoli ma efficaci espedienti è sicuramente un’ottima idea!


In generale, come accade anche agli umani, quando si svolge un’attività fisica si ha la possibilità di rimanere in salute più a lungo, allontanando per quanto possibile le patologie connesse al movimento tipiche dell’età adulta.


Anche nei mici più pigri il movimento è fondamentale per mantenerli elastici e tonici, e stimolare muscoli e tendini è il miglior metodo per mantenere in salute le articolazioni della schiena e degli arti e per migliorare il suo equilibrio, soprattutto durante gli atterraggi in caduta.


Il movimento stimola il metabolismo, consentendo al tuo Micio di consumare più energia e di restare in forma.


Spesso il gatto è pigro perché l’ambiente domestico in cui si trova non presenta stimoli particolari.
Ha bisogno di un ambiente ricco dove trovare stimoli per giocare, nascondersi, esplorare, arrampicarsi, graffiare, marcare il territorio, osservare e, naturalmente, dormire.


L’ambiente ideale per un gatto, anche il più pigro e amante della comoda vita domestica, è fatto non da ambienti interni caldi e riparati, ma anche da un seppur piccolo spazio esterno recintato e sicuro per lui, dove poter conoscere il mondo fuori dalla finestra e affinare l’olfatto.


Come sappiamo, in casa i gatti amano i luoghi alti e protetti: piccoli percorsi studiati per fargli raggiungere uno spazio protetto dedicato al suo relax sono un buon compromesso per dargli tutto il comfort che merita e, allo stesso tempo, stimolarlo a muoversi per raggiungere il suo angolino preferito.
Il gatto sarà felice di potere osservare persone, oggetti e piccoli animali da una posizione privilegiata, cosa che migliorerà il suo benessere psicologico e fisiologico!


Secondo l’opinione di molti esperti, l’attività fisica dei gatti connessa all’esplorazione e al gioco ha tanti benefici, dal consumo di energia e calorie fino alla stimolazione mentale, dal miglioramento della massa muscolare e del metabolismo al rafforzamento del legame con il proprietario.


Anche nell’alimentazione i nostri mici hanno bisogno di…movimento!
I gatti, si sa, hanno bisogno di fare piccoli pasti più volte al giorno.


Se il tuo gatto è pigro, stimolare la ricerca e il raggiungimento del cibo è una buona idea per mantenerlo in forma e per stimolare il suo istinto predatorio. Quando ti farà capire di avere fame, fai in modo che ti segua in casa per raggiungere la pappa, e senza nemmeno accorgersene avrà fatto una bella passeggiata.


Ricorda che ogni gatto ha il suo modo di giocare e che può essere più ricettivo ad alcuni stimoli rispetto ad altri, ed è perciò importante incoraggiare il suo movimento ma senza mai esagerare e rispettando il ritmo fisiologico del vostro amico.


Il passatempo giusto, un po’ di pazienza e buone maniere, e il gioco è fatto!
Con il loro istinto predatorio, i gatti sono incredibilmente attratti dagli oggetti in movimento
ed è per questo che prediligono in particolare quelli che comportano movimenti rapidi e imprevedibili, giocattoli sonori e simulazione predatoria, oltre che premi sotto forma di snack.


Quando giochi con lui con l’obiettivo di stimolare il suo istinto predatorio, ricorda di lasciargli ogni tanto la soddisfazione di raggiungere la sua preda.
La cosa importante è far muovere gli oggetti da predare in direzione opposta rispetto alla sua cuccia: in natura, una preda non andrebbe mai incontro al suo predatore, e movimenti troppo veloci o inconsulti vicino a lui potrebbero spaventarlo.
Quando invece giocherai tu insieme a lui, tieni in considerazione questa indicazione e ricorda di non farti mai predare le mani, che devono essere associate dal micio solo al cibo e ovviamente a coccole e carezze!


Mantieni alta la sua soglia di attenzione con sessioni non troppo lunghe ma frequenti e cambia spesso gioco perché tende ad annoiarsi facilmente.


Durante le prime fasi di interazione è meglio limitare le sessioni di gioco a 2-3 minuti: la normale interazione non deve essere forzata e non deve disturbare la sua tranquillità.


Anche se possono sembrare pigri e indifferenti, è sempre importante dedicare ai nostri Mici del tempo destinato al gioco.


Da piccoli per costruire un legame con loro, da adulti per allontanare i segni dell’età, il gioco e più in generale l’attività fisica hanno effetti benefici sui mici dal punto di vista fisico e mentale.
E’ fondamentale che si sentano amati e coccolati, che ricevano attenzioni costanti, ma discrete (“senza troppe smancerie” è l’approccio che in genere preferiscono!) e che non si sentano trascurati, generalmente considerata tra le cause principali del disinteresse.


La pigrizia non è irreversibile, e giocare con il tuo micio e allenarlo al movimento non comporta un grande sforzo: anche una pallina può trasformare il salotto in un’area giochi perfetta, in cui potrà fare movimento divertendosi insieme a te!

Condividi