I mesi più freddi dell’anno sono in arrivo! Ma come cambia l’alimentazione dei Gatti?
 
Alcuni consigli per prendersi cura di loro con un’alimentazione adeguata alla stagione invernale.

Il passare delle stagioni ha influenza sull’alimentazione dei nostri amici Gatti, così come accada per noi umani.
I mici, si sa, non amano particolarmente il freddo, risentendo maggiormente del calo di temperature rispetto ai cani.
Durante i mesi più freddi dell’anno, i gatti tornano ad essere più affamati rispetto al periodo estivo, e questo comporta dei piccoli ma spesso utili cambiamenti nel loro stile di vita alimentare.

Partendo dal presupposto che soltanto il veterinario può consigliare adeguatamente le dosi e la qualità di cibo per un gatto, il principio generale è che nei mesi più freddi i gatti devono avere un’alimentazione essenzialmente proteica con carni bianche e rosse, pesce, verdure.

Anche se il micio è un animale carnivoro, scegliere frutta e verdura adatta alla dieta felina fornirà all’animale la giusta dose di vitamine e sali minerali.

Cibi più ricchi in proteine, grassi e vitamine sono i più indicati per l’Inverno. Oltre che a reintegrare l’organismo del gatto dopo i mesi più caldi, queste proprietà nutritive aiutano a superare problemi come la muta del pelo, che si rinfoltisce nuovamente in vista del freddo.

Proprio come per l’alimentazione umana, è sempre sconsigliabile mutare l’alimentazione in maniera drastica, soprattutto per prevenire patologie diffuse come l’obesità o problemi più seri. Il consiglio è, dunque, di variare gradualmente la dieta tenendo conto della razza, dell’età e delle abitudini del micio

Un gatto che passa molto tempo all’aria aperta dovrà sicuramente integrare una percentuale adeguata di proteine e grassi ed avere a disposizione una maggiore quantità di cibo secco (più appetitoso per lui se esposto al freddo rispetto al cibo umido). 

Anche la digestione agisce diversamente durante i mesi più freddi.

Se il gatto vive in casa, o se esce sporadicamente in spazi esterni, è importante mantenere una temperatura domestica accettabile e senza sbalzi eccessivi, che potrebbero influire sulla delicata digestione del gatto.

Il gatto avrà, come d’estate, bisogno della sua dose giornaliera d’acqua: tenete sempre piena la ciotola di acqua.

Se il micio vive all’aperto, l’acqua potrebbe diventare troppo fredda, e sarà perciò necessario cambiarla più spesso, ed utilizzare ciotole di plastica o di metallo termoresistente.